Una vittima di guerra parla alla I Commissione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite

Si chiama Mahpekay Sidiqi, è afghana, e durante la riunione della I Commissione della 75esima Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha parlato a nome della rete INEW raccontando la sua storia di vittima di guerra e testimoniando l'impatto umanitario dell'uso delle armi esplosive nelle aree popolate.

Ecco qui il testo integrale del suo intervento, consegnato agli atti il 13 ottobre 2020:

"A nome della Rete internazionale sulle armi esplosive (INEW), ringrazio per l'opportunità di rivolgermi oggi alla I Commissione. Parlo da Kabul, per condividere la mia esperienza di come i bombardamenti sulle città e paesi come il mio abbiano un impatto sulle persone come me.

Ha impatti devastanti sul nostro corpo, sulla nostra mente, distrugge le le case delle nostre famiglie e ci costringe a fuggire perché abbiamo pauara per la nostra vita e quella dei nostri cari.

I suoni terrificanti delle esplosioni, degli edifici che crollano, delle persone che urlano e della terra che trema sono ricordi vividi di quando avevo appena sei anni.

È stato terrificante. Il bombardamento del mio villaggio ha costretto la mia famiglia ad andarsene. Le bombe partivano da ovunque: dal cielo e dalla terra.

Anche distava diversi chilometri dal nostro villaggio, siamo scappati a piedi a Kabul. Eravamo io, le mie due sorelle e i miei due fratelli. Abbiamo impiegato un'intera giornata per raggiungere un posto sicuro a Kabul. Mentre stavamo camminando verso la città, gli aeroplani sopra le nostre teste sganciavano bombe. I nostri capelli e i nostri occhi erano pieni di polvere e ad ogni esplosione pensavamo che avremmo potuto perdere qualcuno di noi. Per fortuna, quel giorno non è successo e siamo arrivati ​​tutti sani e salvi in ​​città. La mia famiglia non è mai più tornata nei nostri villaggi perché la nostra casa era stata distrutta.

A Kabul, tuttavia, ho perso entrambe le gambe in un'esplosione vicino all'aeroporto. Dopo di che, andare a scuola è diventato difficile perché non era accessibile. Mi sentivo esclusa perché non riuscivo a camminare come gli altri ed ero depressa. A quel tempo la vita non sembrava avere alcun significato.

Purtroppo, non sono l'unica a essere stata colpita dalle armi esplosive in Afghanistan. Ci sono migliaia di persone come me, compresi molti bambini che hanno perso gli arti o la vita a causa dell'uso di queste armi nella mia città, dove vivevamo.

Oggi lavoro come tecnologa ortopedica e fornisco servizi di riabilitazione fisica per persone con disabilità. Ogni mese, ogni giorno, aiuto a trattare e curare i pazienti nel nostro centro e lasciate che ve lo dica: le armi esplosive sono ancora tra le principali cause di disabilità. Proprio il mese scorso, ho curato tre pazienti che avevano perso gambe, familiari e le loro case a causa di incidenti causati da residui bellici esplosivi. Uno di loro è una giovane donna che ha perso una gamba e sei membri della famiglia. La sua salute mentale e il suo benessere sono stati pesantemente scossi.

I bombardamenti danneggiano e distruggono le vite e i mezzi di sussistenza dei civili. Ma le armi esplosive non colpiscono solo gli individui. Possono rovinare paesi e città, avere un impatto su intere comunità, distruggere le nostre case, scuole, ospedali, strade e ponti.

Avete il potere di aiutare a fermare questo. Gli Stati in questa Assemblea possono smettere di danneggiare i civili accettando di non usare nelle città armi esplosive pesanti.

Esorto tutti voi a finalizzare la Dichiarazione politica sulle armi esplosive non appena sarà possibile, e a lavorarci con l'obiettivo di sviluppare standard umanitari più forti che proteggano le persone dai danni da esse causati. Grazie
"


Per leggere sul danno umanitario delle armi esplosive e sull'andamento dei negoziati per la Dichiarazione Politica Internazionale cliccare qui.

Ultima modifica il Giovedì, 15 Ottobre 2020 11:01

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, visitare questa pagina.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information