Elettricità, nuovo bonus in bolletta per i malati gravi

''Innovazioni migliorative'' per chi utilizza apparecchiature elettromedicali salvavita: lo ha deciso l'Autorita' per l'energia. Cittadinazattiva: ''Grande soddisfazione''

ROMA - Cambia con innovazioni migliorative il bonus a riduzione della bolletta elettrica dei malati gravi che devono utilizzare apparecchiature elettromedicali salvavita. Lo ha  stabilito l'Autorita' per l'energia, infatti, dal prossimo gennaio, l'importo del bonus elettrico per disagio fisico sara' collegato al livello dei consumi e al numero delle apparecchiature di supporto vitale, in modo da tenere conto delle specifiche necessita' ed esigenze dei malati. Fra le novita' positive vi e' anche la possibilita' di ottenere il riconoscimento retroattivo del nuovo meccanismo. Il provvedimento, spiega il Regolatore, prevede, in particolare, tre livelli di compensazione, ovvero tre tipologie di bonus per disagio fisico, da assegnarsi in base ai consumi ed al numero di macchinari utilizzati, cosi' come indicati nella certificazione ASL; in precedenza, invece, il bonus corrispondeva ad un unico importo standard, indipendentemente dal numero di apparecchiature e dai consumi.

"Grande soddisfazione per i nuovi  bonus, che vengono incontro alle famiglie a rischio povertà da consumi energetici a causa di patologie gravi, perché non più forfettario ma legato ai consumi effettivi  e ai macchinari utilizzati", commenta  Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva. “Il risultato di oggi ci convince del percorso intrapreso; la nostra organizzazione continuerà a produrre informazioni civiche e a rappresentare il punto di vista di tutti i  cittadini a rischio povertà”.

Nel 2011 la spesa media annua per consumo di energia è stata di 976 euro (contro i 437 euro di una famiglia tipo): 401 euro in più, spiega Cittadinanzattiva, dei quali solo 138 coperti dal bonus. Per il 2012 la bolletta sarà di 1152 euro, dei quali 230 euro legati alla spesa per i consumi energetici degli apparecchi medicali e 922 euro per gli altri consumi elettrici. E la spesa si somma a tutti i costi privati che pesano sulle famiglie: dalla badante ai farmaci non rimborsati o presidi e ausili non garantiti. 

© Copyright Redattore Sociale

Ultima modifica il Giovedì, 09 Agosto 2012 13:18

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, visitare questa pagina.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information