Sei qui: Home Attualità 2017

L'ANVCG a Bruxelles per promuovere i "Caschi Blu del Mare"

Il 29 novembre il Parlamento Europeo ha accolto la delegazione dei “Caschi Blu del Mare”, un progetto sviluppato dalla federazione mondiale degli sport subacquei (CMAS).

Ad accogliere nella sede di Bruxelles la delegazione, il membro del Parlamento Europeo Silvia Costa che ha affermato: "Dopo i Caschi Blu della Cultura. sono nati i Caschi Blu del Mare, per iniziativa di Anna Arzhanova, presidente della CMAS di intesa con Unesco. Questo è stato un progetto unico al mondo ed è necessario ricordare che il patrimonio culturale, naturalistico e ambientale è un bene dell’umanità da condividere e tutelare insieme ed è significativo che giovani che lo hanno sperimentato in condizioni tragiche oggi lo possano vivere in ben diverso modo, come subacquei dedicati al patrimonio culturale. Questa è certamente un’esperienza di avanguardia che vorrei diventasse un progetto europeo".

"Sono molto felice di accogliere in Parlamento europeo la delegazione dei 'Caschi Blu del Mare' - ha dichiarato in un comunicato David Sassoli, vicepresidente del Parlamento Europeo - un'iniziativa molto innovativa e di successo che ha permesso a tanti giovani di vivere autentiche esperienze di integrazione con la concreta possibilità di lavorare insieme ai loro coetanei migranti e agli operatori europei in programmi coordinati di ricostruzione, restauro e tutela del patrimonio subacqueo".

Per il Parlamento Europeo erano inoltre presenti Gianni Pittella, Presidente del Gruppo Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici, e Patrizia Toia, Capodelegazione del PD, che hanno espresso vivo apprezzamento per il progetto.

Anna Arzhanova, presidente di CMAS, illustrando l’iniziativa ha voluto evidenziare che  "I Caschi Blu del Mare sono stati costituiti per la salvaguardia e la pulizia dell'ambiente marino, educare alla tutela e conservazione dell’ambiente marino, promuovere delle campagne per la pulizia del mare e recuperare i tesori nascosti sott'acqua. Essere stati ricevuti oggi dal Parlamento Europeo” – ha proseguito – “rappresenta la prova reale che questo progetto è unico, speciale. E ringrazio tutte le persone che sono intervenute oggi e quelle che ci hanno accompagnato nella realizzazione dell'iniziativa".

L'incontro si è aperto dalla proiezione di un video che ha raccontato il progetto con testimonianze degli allievi italiani e rifugiati che nel corso tenuto a Salerno hanno conseguito il brevetto da 18 metri di profondità per attività subacquea. Wazib del Bangladesh, Kante della Guinea, Mihlad dell'Egitto e Emanuel della Nigeria hanno condiviso con gli studenti italiani il primo corso integrato; i ragazzi hanno espresso con grande commozione e viva partecipazione di aver vinto la paura dell'acqua e di voler mettere in pratica tutto quello che hanno appreso anche tornando nel loro Paese.

Il corso è stato promosso da CMAS, dalla federazione italiana FIPSAS e dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - MigrArti. "Far pace con il Mediterraneo: è con questa idea - ha spiegato Paolo Masini, consigliere del ministro Franceschini - che MigrArti e il Ministero hanno collaborato con un progetto unico nel suo genere. Quel mare che troppo spesso ha portato morte e tragedia può diventare opportunità culturale, ambientale e di futuro”.

La delegazione era rappresentata anche da un allievo del primo corso Blue Helmets di Salerno, da Annino Festa (presidente Commissione tecnica FIPSAS), Eva Avossa (Vice Sindaco di Salerno), Renato Pagliara (MIUR di Salerno), Anna Rita Carrafiello (dirigente scolastico del Santa Caterina da Siena, la scuola che assieme al CPIA ha ospitato il corso) e Giuseppe Castronovo (presidente dell'Associazione Italiana Vittime Civili di Guerra, ANVCG).

"Questo progetto straordinario, che ha avuto grande successo sia tra gli studenti che tra i docenti, è una grande opportunità di integrazione. La città di Salerno - ha detto il Vice Sindaco Avossa - è da sempre considerata la città dell’accoglienza, visti i tanti migranti approdati nella nostra terra, e questo progetto rafforza ancora di più questa nostra sensibilità all’argomento, anche attraverso i giovani e le scuole".

"Siamo qui a Bruxelles - ha dichiarato il Presidente dell’ANVCG Castronovo - per ribadire che i rifugiati che fuggono dai conflitti sono le nuove vittime civili di guerra, ai quali va concessa una vera integrazione. Sotto le insegne di questo progetto è stata costituita una vera task force dell’integrazione, con lo sport che favorisce con i propri linguaggi universali una cultura di pace. E noi vogliamo sostenere questo nobile progetto anche in futuro, attraverso la realizzazione di due corsi di profondità in mare, uno a Roma ed uno a Salerno, per arrivare a formare tanti nuovi Caschi Blu del Mare".

Ultima modifica il Lunedì, 04 Dicembre 2017 12:00

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, visitare questa pagina.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information