Disability card

Nella circolare n.46 del 1°aprile 2022 l'INPS ha fornito le direttive applicative per il rilascio della Carta europea della disabilità in Italia” (c.d. Disability Card).

La "Disability Card" contiene tutti i dati necessari al riconoscimento dello stato di disabilità dei cittadini degli Stati membri dell’Unione europea e consente l’accesso a specifici servizi e prestazioni convenzionate. Attualmente il documento è riconosciuto nei Paesi che hanno già aderito al progetto: Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Italia, Malta, Romania e Slovenia. La Commissione europea, entro il 2023, proporrà il riconoscimento della Carta a tutti gli Stati membri.

Il documento è valido fino alla permanenza della condizione di disabilità e comunque per un termine massimo di 10 anni; la domanda per il rilascio del documento va fatto online sul sito dell'INPS.

Per quanto riguarda i destinatari, nella circolare di cui sopra  l' INPS ha specificato che la "Disability card" può essere rilasciata alle seguenti categorie:

  • invalidi civili maggiorenni con invalidità certificata superiore al 67%;
  • invalidi civili minorenni;
  • cittadini con indennità di accompagnamento;
  • cittadini con certificazione Legge 104;
  • ciechi civili;
  • sordi civili;
  • cittadini titolari di trattamenti di privilegio ordinari e di guerra;
  • invalidi e inabili ai sensi della legge 12 giugno 1984, n. 222;
  • invalidi sul lavoro con invalidità certificata maggiore del 35%;
  • invalidi sul lavoro con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa o con menomazioni dell’integrità psicofisica.

Per quanto riguarda gli invalidi di guerra, va però tenuto presente che il DPCM 6 novembre 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 304 del 23 dicembre 2021, recante "Definizione dei criteri per il rilascio della Carta europea della disabilità in Italia" indica i destinatari nei soggetti  appartenenti  alle categorie di cui  all'allegato 3 del DPCM 5 dicembre 2013, n. 159. Questo allegato 3 riporta a sua volta gli invalidi di guerra appartenenti alle prime tre categorie.  Stando alla legge quindi solo gli invalidi di guerra delle prime tre categorie possono avere la "Disability card", anche se la genericità della circolare dell'INPS può dare adito a diverse interpretazioni.

Ultima modifica il Venerdì, 22 Aprile 2022 13:59

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, visitare questa pagina.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information