Gino Bartali "Giusto tra le Nazioni"

Il museo dell’Olocausto Yad Vashem di Gerusalemme riconosce l’opera umanitaria del ciclista fiorentino in favore degli ebrei a rischio deportazione

FIRENZE – “E’ una notizia che aspettavamo da tanto tempo, finalmente è arrivata, e proprio nel momento più significativo, nel bel mezzo dei mondiali di ciclismo a Firenze. E’ una gioia immensa”. Così Andrea Bartali, figlio del campione di ciclismo Gino Bartali, commenta la nomina del padre “Giusto fra le nazioni” arrivata in mattinata da Yad Vashem, il museo dell’Olocausto israeliano.

Bartali, nel corso della seconda guerra mondiale, aiutò la popolazione ebraica a rischio deportazione trasportando nella canna della sua bicicletta documenti falsi che avrebbero permesso loro di eludere i carnefici nazisti. Dagli archivi è emerso anche che, durante l’occupazione nazista di Firenze, Bartali ha aperto le porte della propria casa per nascondere una famiglia di ebrei fiorentini. 

Yad Vashem spiega che Bartali è stato “un cattolico devoto che, nel corso dell'occupazione tedesca in Italia, ha fatto parte di una rete di salvataggio i cui leader sono stati il rabbino di Firenze Nathan Cassuto e l'Arcivescovo della città cardinale Elia Angelo Dalla Costa”, già riconosciuto Giusto tra le Nazioni.

“Questa rete ebraico-cristiana, messa in piedi a seguito dell'occupazione tedesca e all'avvio della deportazione degli ebrei, ha salvato centinaia di ebrei locali ed ebrei rifugiati dai territori prima sotto controllo italiano, principalmente in Francia e Yugoslavia”.


© Copyright Redattore Sociale


Ultima modifica il Martedì, 24 Settembre 2013 09:16

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente all’uso dei cookie Per maggiori informazioni sull'uso dei cookie, visitare questa pagina.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information